domenica 26 febbraio 2012

Domenica vittoriosa per il F.C. Chiasso


Cappelletti
Finalmente si torna al Comunale! Dopo la lunga pausa invernale e il debutto a Locarno, per il Chiasso contro il Wohlen è stato il momento dell’esordio casalingo, davanti a un pubblico però non numerosissimo.Tanti i motivi d’interesse, dal ritorno del fresco ex Gaspar alla prima fra le mura amiche della nuova coppia Adeshina-Pasi ma la partita ha deluso le aspettative, regalando poche emozioni e occasioni col contagocce, da una parte come dall’altra. Il Chiasso ha vinto, e in fondo nel calcio è questo alla fine che conta. Tre punti sofferti, frutto di una prestazione non brillante che però portano al secondo posto in coabitazione con Bellinzona e Aarau. La prima azione di un certo rilievo è stata di marca avversaria, con una punizione di Weller che ha attraversato tutto lo specchio della porta senza che nessuno trovasse la deviazione vincente. I rossoblu alla prima occasione hanno sbloccato il risultato, trovando il gol che sarà poi decisivo, il primo con la nuova maglia di Saidu Adeshina. Fallo subito da Pasi, lo stesso bolognese si è occupato della battuta e, complice la non felice uscita di Proietti, il nuovo attaccante chiassese ha insaccato di testa.

La reazione del Wohlen, se così si può chiamare, è stata tutta in un tentativo al volo finito a alto di nuovo di Weller, che aveva raccolto l’allontanamento di un cross da parte di Sulmoni. Nella ripresa gli uomini del neo tecnico Komornicki dovevano fare la partita e ci hanno provato, senza mai essere sul serio pericolosi. Al 7’Reclari, rimediando a un pasticcio in difesa, ha concesso il primo corner della partita, e questo la dice lunga sulle occasioni create. Al 12’Tarchini è riuscito a sventrare la minaccia più seria portata ai pali difesi da Capelletti, deviando di piede un pallone che stava ormai per entrare in rete, al 16’Pnishi per il solito Weller, il più pericoloso dei suoi, e pallone terminato alto dal centro dell’area.
Un minuto più tardi ecco un episodio che non si può certo dire decisivo ma quanto meno importante, ovvero l’espulsione di Proeitti per proteste, che non ha permesso ai suoi di tentare un assalto finale con tutti gli uomini in campo. Fuori dunque una punta, De Lima, per il secondo portiere Tahiraj.
Al 21’di nuovo Weller protagonista con una punizione che Capelletti ha allontanato con i pugni, al 24’bravo ancora il portiere rossoblu a bloccare a terra un cross che, apparentemente innocuo, si stava dirigendo verso la rete.
Raimondo Ponte a sua volta ha operato i tre cambi a sua disposizione, inserendo Gherardi, Bem e Graf per Tarchini, Pasi e Adeshina. Nel finale, col Wohlen che non aveva più la forza di cercare i pari, è stato il Chiasso a sfiorare il raddoppio. Graf avrà subito la possibilità di chiudere la partita su cross di Markaj senza centrare lo specchio della porta, al 42’gran discesa di Senkal chiuso però in calcio d’angolo, il primo della contesa per il Chiasso, e nei recuperi Gherardi è incespicato sul pallone.
Finisce così con tre punti vitali una gara non bellissima, ed ora vi sarà una settimana di tempo per preparare una sfida che non sarà mai una partita qualunque: il derby di Cornaredo.

Chiasso-Wohlen 1-0 (1-0)
(23’Adeshina)

Chiasso: Capelletti; Russo, Sulmoni, Reclari; Markaj, Senkal, Perrier, Tarchini (59’Gherardi), Quaresima; Pasi (73’Bem), Adeshina (78’Graf)

Wohlen: Proietti; Tosetti, Winsauer, Hodzic, Pnishi (62’Bijelic); Romano (78’Karapetsas), Mamone, Mancino, Weller; De Lima (64’Tahiraj), Gaspar

Note: arbitro Sandro Schärer, 800 spettatori, ammoniti 43’Mancino, 75’Perrier, espulso per proteste 63’Proietti


Nessun commento:

Posta un commento