lunedì 5 marzo 2012

"La Lega ha raddoppiato a livello cantonale facendo promesse che non ha mantenuto" Intervista a Mauro Mapelli, Presidente PPD

Mauro Mapelli, Presidente del PPD
Domanda 1: Presidente Mapelli, come valuta la legislatura appena trascorsa, la prima del dopo Moro?

M.P.: È stata una legislatura tranquilla dopo la conquista del “potere” da parte della Lega. In passato si pensava soprattutto a costruire il futuro attraverso la realizzazione di progetti importanti che avrebbero dovuto dare nuove opportunità a Chiasso. Penso in particolare alla riqualifica e pedonalizzazione del Corso e allo sviluppo delle attività culturali. In questo quadriennio si è dato invece più importanza all’immediato e all’esigenza di trovare il consenso e la simpatia nella popolazione. Dal punto di vista delle realizzazioni, questa legislatura è proseguita nel solco della precedente, penso qui per esempio alla riqualifica di Via Soldini. Quello degli asilanti è un problema che esiste da parecchi anni che in questa legislatura è stato ingigantito ad arte e cavalcato per fini elettorali, purtroppo con un grave danno di immagine per il nostro comune.

 

Domanda 2: Il vostro partito è in perenne perdita di consensi, come pensate di riconquistare l'elettorato chiassese?

M.P.: Continuando a fare una politica seria per lo sviluppo chi Chiasso, unita a una politica di denuncia di casi clamorosi quali per esempio il frontaliere in Polizia o il vice-sindaco che non è mai stato al centro asilanti. A ciò si devono aggiungere la mobilitazione per la difesa della stazione ferroviaria di Chiasso con il blocco del Cisalpino e la raccolta di firme per l’iniziativa che chiede di realizzare un sistema di video-sorveglianza. In Municipio, il nostro rappresentante Fabio Bianchi, ha svolto una grosso lavoro con i 3 dicasteri, di cui è responsabile e con l’ente di sviluppo regionale di cui è presidente. Il dicastero Cultura ha proposto parecchi eventi di rilievo che hanno data un’immagine estremamente positiva di Chiasso.

Domanda 3: Nonostante siate un piccolo partito, siete riusciti a raccogliere le firme necessarie per il successo della vostra iniziativa sulla videosorveglianza. A cosa dovete questo successo?

M.P.: Abbiamo capito che c’è un bisogno di sicurezza nella popolazione, che ha firmato nonostante l’opposizione compatta di socialisti e liberali. Per la sicurezza abbiamo fatto una proposta concreta in contrapposizione per esempio alle richieste impossibili di chiudere il centro rifugiati, che qualcuno identifica come il responsabile di tutti i mali.

Domanda 4: Il vostro seggio in Muncipio è in pericolo, come farete a difenderlo dagli attacchi leghisti?

M.P.: È vero, il nostro avversario è la Lega. Se la Lega avanza, automaticamente il PPD rimane escluso dal Municipio. Lo scorso anno la Lega ha raddoppiato a livello cantonale facendo tante promesse che poi non ha mantenuto già subito in partenza: penso in particolare alle feroci critiche a Laura Sadis e al rifiuto di prendere il dipartimento Finanze e Economia. A Chiasso adesso promette l’abbassamento del moltiplicatore d’imposta, ma con i tempi che ci attendono questa è pura demagogia.

Domanda 5: Come abbiamo fatto con altri suoi colleghi, le chiediamo un parare su Chiasso Vive.

M.P.: Finora non leggevo Chiasso Vive, ma devo ammettere che è una bella iniziativa. L’apprezzo soprattutto come raccolta degli articoli pubblicati nel corso dei mesi e per leggere i commenti lasciati

21 commenti:

  1. bravo, investiamo sulla cultura, infatti attorno al MAX museo si vedono solo lazzaroni e sfaccendati che con Chiasso hanno nulla da spartire....basta magnare....si salva solo il cinema teatro che almeno da la possibilità al cittadino di partecipare a qualche serata (però se vado a Como vedo le stesse cose spendendo la metà....).
    ma avete visto l'entourage del MaxMuseo? una accozzaglia di tirone che pensa solo ad autoincensarsi a spese del cittadino.
    e quanto ci costa questa pseudocultura? dateci 2 dati per cortesia......
    e basta esposizioni di croste e di mostruosità che nessuno va a vedere.
    sembra la brutta copia del museo delle carabattole che il Nano ci propina ogni domenica....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non concordo .Mi sembra sia proprio il dicastero cultura retto da Fabio Bianchi (PPD) ad aver dato un chiaro taglio ad un passato afro-asiatico di nicchia, ottenendo un discreto successo di pubblico. E ciò è avvenuto con l’evidente sostegno dei colleghi municipali leghisti e liberali, che hanno contribuito alla sostituzione di persone e idee in questo ambito.

      Elimina
  2. La pedonalizzazione del Corso poteva anche esser una buona idea. Peccato che la realizzazione, avvenuta nel precedente quadriennio, è stata pessima sia dal punto di vista tecnico che progettuale.

    Tecnicamente individuo nell’uso di materiali scadenti, nella modalità d’esecuzione non adeguata al materiale e soprattutto nella tempistica incredibilmente lunga dei lavori i difetti che hanno dato del filo da torcere agli attori economici di Chiasso.

    Ma soprattutto la progettualità ha lasciato molto a desiderare: la realizzazione della pedonalizzazione doveva esser l’ultimo tassello del progetto. Prima bisognava adattatare la viabilita e la segnaletica, quindi bisognava circondare l’area pedonale di posteggi e infine realizzare l’area pedonale. Queste mancanze hanno fatto e fanno soffrire gli operatori economici.
    Quanti di noi incontravano e incontrano tuttora automobilisti stranieri persi per via Bossi o altrove, i quali chiedono disperati come raggiungere la destinazione?

    RispondiElimina
  3. Concordo con i 2 anonimo. Sgarbino non ci siamo

    RispondiElimina
  4. un dubbio.....ma i commenti anonimi sono di Mapelli e Bianchi? UREGIATTONI
    é dura ammettere che lavorate con il sedere anche voi...bravi a spendere e migliori nel nascondere i buchi che fate.
    e poi non sno i liberali che acconsentono alle spese della cultura, piuttosto il populismo di un Sindaco che di Sindaco ha solo la nomea.
    basta presenziare e girare per Chiaso con la tutina attillata per mostrare chi é il maschio dominante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà Sgarbino il vero maschio dominante di Chiasso!!! privo di idee ... spara a destra e a manca .... un vero cowboy (nel senso letterale di ragazzo delle mucche)

      Elimina
  5. le uniche mucche che conosco appartengono alla tua famiglia.
    capisco che la verità da fastidio, ma devi abituarti a leggerla se frequenti questo blog.
    sennò visita il sito della parrocchia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. con questo mi confermi, Sgarbino, d'aver più lingua che idee ... continua pure a fare il tuo mestiere ..

      Elimina
    2. io continuo a farlo il mio mestiere, non preoccuparti che soldi a te per vivere x mia fortuna non te ne devo chiedere, vorrei che lo facessero bene anche i Municipali, specialmente quelli con le orecchie penzolanti.
      niente di personale credimi, solo che odio chi si incensa dicendo di aver fatto il mondo quando in 4 anni hanno vivacchiato all'ombra dei veri lavoratori, la Roberta e il Moreno (il maschio dominante che comunque x Chiassso il tempo lo spende in abbondanza)

      Elimina
    3. aspetto sempre di vedere le idee, le proposte, e non le chiacchere ...

      Elimina
  6. Scià uregiatt...cünta mia sü ball e pensa a insegnaa che l'è méi!!!

    RispondiElimina
  7. Povero Municipio se si confermano i municipali uscenti .Bianchi in 4 anni ha fatto ben poco , il dicastero cultura é un esempio lampante . 2 direttori al 50% che non servono a niente . Lo spazio officina con mostre mediocri . Lo stabile tenuto in uno stato pietoso che nessuno vede . Bravi tutti a autoincensarsi e a sperperare denaro pubblico . Festate un evento dai costi esorbitanti con delle proposte musicali che piacciono solo ai 1/2 direttori e gestito da una banda dilettanti allo sbaraglio . Un evento di sperpero simile non ha eguali in tutto il cantone e forse anche in Svizzera . L'indotto che porta a Chiasso é = a 0 .
    Ha ragione Sgarbino si spende troppo con risultati mediocri . Per finire l'accoppiata plr lega a lungo andare farà più danni del vecchio partitone . Pantani passerà il testimone al parente stretto , il sindaco sarà ben allenato per le varie maratone , al resto del municipio 4 anni di limbo nel attesa di diventare un quartiere della grande Mendrisio .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bravo, condivido in toto le tue affermazioni!

      Sgarbino

      Elimina
  8. Comicità pura, questa maggioranza sta rovinando anni di gestione ottimale della cosa pubblica. Sempre meno soldi, sempre meno servizi e sempre più assunzioni clientelari. Ci vendono fumo parlando di problemi per nasconderne altri. Bene ha fatto il PPD a denunciare la mancata visita della Vicesindaco al centro asilanti e bene ha fatto il PPD ha denunciare l'assunzione di un frontaliere da parte di chi i frontalieri li vuole cacciare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comicità pura sono stati anche gli anni dove il partitone ha comandato . Stiamo ancora ringraziandoli per la chiusura demenziale del corso , per lo scadente marmo cinese e per aver abbandonato la barca alla deriva al presidente/primo ministro .Ora abbiamo il novello Colombo che con niente da scoprire , una nave che lentamente affonda e va alla deriva verso nord dove c'é la salvezza . La vice comandante si é già salvata a Berna e qui lascerà la fotografia .

      Elimina
  9. Speriamo non si riconfermino i municipali uscenti tutti fumo e niente arrosto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo la minestra é quella e sarà riscaldata . L'unica speranza é dalla sinistra con Otto Stephani e Patrizia Pintus . Una sorpresa dalle urne non sarebbe male.

      Elimina
    2. Come fai a sperare di passare dalla minestra al pastone?

      Elimina
  10. E no, di scemate ne ho lette e sentite ma dire che per risollevare le sorti del municpio ci vorrebbero Pintus e Stephani é davvero troppo!
    Mi vengono i brividi al sol pensiero! No, no e no! Non hanno le capacità, non hanno la parlantina e non valgono una cippa lippa!
    Altro che minestra riscaladata, minestra avariata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non hanno la parlantina vanno benissimo .Di veditori di fumo che promettono e dicono sempre si a tutti ne abbiamo avuti abbastanza . Lurati é una persona con una visone molto più aperta di Bianchi . Nella prossima legislatura non bisognerà preoccuparsi troppo delle lega ..farà la fine della nebbia .

      Elimina
    2. ???? chiacchere ????

      Elimina