mercoledì 12 dicembre 2012

Assemblea generale dei dipendenti comunali

È bastata la parola ‘tagli’ per scuotere i sindacati. E c’è già chi è pronto a salire sulle barricate e a indire uno sciopero, come rivendicato ieri da un volantino diffuso dalla Vpod.

La decisione annunciata dal Municipio di Chiasso di seguire la linea del governo cantonale e di mettere le mani (decurtando i salari del 2 per cento) nella busta paga dei dipendenti comunali ha fatto insorgere oltre alla politica (cfr. laRegione di ieri) anche i sindacati Vpod e Ocst.

Domani pomeriggio (l’appuntamento è al bar Chiasso) la Vpod convocherà, infatti, il personale per discutere della misura e per dire “basta ai tagli dei salari in Ticino”. Sarà il primo passo verso l’assemblea generale di impiegati e maestranze indetta dall’Ocst per lunedì prossimo nella sala del Consiglio comunale, proprio dentro il palazzo.

Che il provvedimento inserito a preventivo dall’esecutivo cittadino potesse suscitare malumori e spaccature tra le forze politiche era prevedibile, che potesse mobilitare il fronte sindacale forse in Municipio se l’aspettavano meno.

Fonte: La Regione

Nessun commento:

Posta un commento