martedì 18 dicembre 2012

Fermate quei saltimbanchi! Marco Ferrazzini a tutto campo


La presentazione del preventivo 2013 da parte del Municipio di Chiasso è stata un capolavoro del teatro far­sesco. Per la prima volta nella sto­ria chiassese, la presentazione di un conto preventivo si è tenuta senza la presenza del funzionario responsabile delle finanze co­munali. È evidente che costui, se presente, non avrebbe potuto fare altro che smontare l'impianto del bilancio preventivo malde­stramente imbastito dal Municipio senza il supporto di tecnici della materia. In un mo­mento in cui le gravi difficoltà finanziarie di quasi tutti i comuni ticinesi sono sotto gli occhi di ognuno, ecco la magia: a Chiasso, nel 2013, si prospetta un utile d'esercizio di 450.000 franchi. È tutto così facile: basta vendere un terreno comunale ad una SA di cui il comune è l'unico azionista ed ecco di colpo 2.100.000 franchi d'entrata ordinaria! Un vero e proprio bluff contabile: mancano solo i conigli che escono dal cilindro. E poi si proceda di questo passo.



Non contabiliz­ziamo oltre mezzo milione di contributi che dobbiamo al Cantone; aggiustiamo, secon­do convenienza, il gettito fiscale e le soprav­venienze di imposta; giochicchiamo con la gestione degli ammortamenti mantenendoli al minimo. E già che ci siamo, tagliamo anche un po' di «paga» ai dipendenti comu­nali. Voilà, il gioco è fatto: un deficit di al­cuni milioni si è miracolosamente trasfor­mato in un avanzo di esercizio. Ma questa è amministrazione seria o pressapochismo da quattro soldi? Non è colpa del Municipio se la crisi mette in ginocchio il nostro e molti altri Comuni. La colpa è di travisare la real­tà per bassi intenti populistici e spicciolo consenso popolare. E quindi di non volere o sapere operare una politica amministrativa rigorosa e consona al delicato momento che stiamo attraversando. In altre parole si but­ta fumo negli occhi alla gente, ma il presen­te e il futuro di Chiasso non hanno più biso­gno di funamboli. Un appello quindi alle forze politiche e ai consiglieri comunali che saranno prossimamente chiamati a vagliare le «trovate» municipali: fermate quei saltim­banchi prima che sia troppo tardi.
Marco Ferrazzini - già Vicesindaco di Chiasso
Fonte: Corriere del Ticino

Nessun commento:

Posta un commento