mercoledì 29 maggio 2013

Dopo 15 anni di utili il consuntivo 2012 è in rosso

Tempi cupi per finanze chiassesi
Dopo tre lustri di risultati positivi, il Comune di Chiasso ha preso a navi­gare nelle cifre rosse. I conti consun­tivi per l'anno 2012 illustrati ieri dal sindaco Moreno Colombo, dal vice­sindaco Stefano Camponovo e dai municipali Patrizia Pintus e Bruno Arrigoni (assente Roberta Pantani Tettamanti per impegni legati alla sua carica di parlamentare a Berna) chiudono infatti con un disavanzo d'esercizio di 1.763.000 franchi, oltre mezzo milione in più rispetto a quan­to preventivato. Cifra che poteva an­che essere peggiore se tutti i dicasteri non avessero applicato un esercizio di contenimento della spesa senza per altro compromettere servizi e prestazioni offerti alla popolazione. Il superamento di spesa maggiore ri­spetto al preventivo si è avuto alla voce ammortamenti che compren­dono anche quello straordinario per l'acquisto della Cinema Teatro SA, 211mila franchi non pertinenti all'e­sercizio contabile 2012 e liquidati per intero. Maggiori costi sono stati regi­strati nelle spese relative al persona­le: 847mila franchi (+2.8% rispetto al preventivo) da ricondurre all'assun­zione di dipendenti con incarico temporaneo all'Ufficio tecnico, negli istituti sociali e nelle scuole in sosti­tuzione di personale in malattia di lunga durata o in congedo maternità.
 
Nella pratica l'aumento è pari a 3,8 unità, la quasi totalità delle quali nel­le case per anziani Giardino e Soave. Da notare che queste assunzioni, perché riconosciute dal Dipartimen­to della Sanità e della Socialità, frutta­no al Comune un cospicuo contribu­to cantonale. In ambito culturale lo sforamento del budget di m.a.x. Mu­seo e Spazio Officina si giustifica con un periodo di «rodaggio» (il museo ha aperto due anni fa) che, secondo Patrizia Pintus, ha permesso di fare le giuste esperienze per, in futuro, cor­reggere il tiro. Le spese sostenute dal m.a.x. Museo anche all'estero sono investimenti, i cui risultati «vanno letti anche oltre le cifre contabili», ha sostenuto Colombo. Gli investimenti amministrativi ammontano a 4,8 mi­lioni di franchi, ben al di sotto di quanto messo a preventivo (7,1 mi­lioni). In questo ambito la spesa mag­giore è stata sostenuta per la riqualifi­ca di via Soldini. Il totale del fabbiso­gno del Comune, sottratte le soprav­venienze d'imposta, si fissa a 25,7 milioni di franchi contro un gettito d'imposta pari a 24 milioni. In parti­colare si registra un aumento del get­tito sia delle persone fisiche che di quelle giuridiche, malgrado la crisi bancaria iniziata nel 2007 stia pesan­do tutt'ora sensibilmente sui conti del Comune. «In prospettiva si tratta di un segnale incoraggiante. La spe­ranza è che in futuro non accada più nulla e, anzi, la situazione possa mi­gliorare - commenta il sindaco -. Ci aspettiamo che dal 2014 la tendenza cambi in positivo. Notiamo anche un netto incremento delle transazioni immobiliari. Gli indizi per una ripre­sa, insomma, esistono». Intanto, pe­rò, l'indice di autofinanziamento pari allo 0,4% garantisce la copertura del­le spese correnti mentre si dovrà ri­correre al finanziamento di terzi per far fronte agli investimenti.

Fonte: Corriere del Ticino

2 commenti:

  1. (+2.8% rispetto al preventivo) da ricondurre all'assun­zione di dipendenti con incarico temporaneo all'Ufficio tecnico, negli istituti sociali e nelle scuole in sosti­tuzione di personale in malattia di lunga durata....
    Solitamente gli stipendi degli impiegati in malattia sono pagati dalle assicurazioni pertanto non ci sono uscite strordinarie da pagare per i nuovi assunti . A Chisso forse non c'é un assicurazione ?

    RispondiElimina
  2. La spe­ranza è che in futuro non accada più nulla e, anzi, la situazione possa mi­gliorare - commenta il sindaco
    Nel preventivo 2013 la vendita del terreno age é già data per scontata . Se passa il referendum ....dolori ...

    RispondiElimina