lunedì 20 maggio 2013

Senza rapporti niente Consiglio Comunale. Paolo Zurcher impartisce lezioni di civica ai consiglieri comunali

Paolo Zurcher (PLR)
Assume tratti grotteschi la ri­chiesta avanzata ad inizio setti­mana da una ventina di consi­glieri comunali di Chiasso, su impulso del socialista Otto Stephani e del leghista Claudio Schneeberger, al presidente del Legislativo Paolo Zürcher (PLR), invitato, con una lettera, a convo­care il più presto possibile una seduta del Consiglio comunale (CC), che, a mente dei firmatari della missiva, in questa legislatu­ra si sarebbe riunito troppo sal­tuariamente. Crea stupore, in chi ha ricevuto lo scritto, che degli eletti a conoscenza del funziona­mento della macchina istituzio­nale chiedano una riunione in mancanza dei presupposti for­mali. Infatti, su diversi messaggi pubblicati dal Municipio nei me­si scorsi, le commissioni non hanno ancora emesso i loro rap­porti, senza i quali, ovviamente, il plenum non può votare. Dopo la riunione del 25 marzo scorso, è rimasta una manciata di oggetti da esaminare, tra i quali spicca­no la variante di Piano regolatore per la realizzazione di un centro benessere a Seseglio e la propo­sta di alienazione di due fondi in via Comacini per l'edificazione di un complesso residenziale fat­to su misura per gli anziani.


È lo stesso Zürcher, nella risposta inviata ieri, a dare una ripassata di educazione civica ai colleghi di area socialista, Lega e PPD fir­matari della sollecitazione.
«L'articolo 49 della LOC - scrive il primo cittadino chiassese - pre­vede che la prima sessione ordi­naria sia convocata entro il 30 aprile per l'esame dei conti con­suntivi. Il Presidente, d'intesa con il Municipio, può per giusti­ficati motivi prorogare di 2 mesi al massimo il termine di cui so­pra. Ciò considerato, il termine verrà a scadere il 30 giugno p. v. I giustificati motivi sono la man­canza dei rapporti commissiona­li sui vari messaggi municipali senza i quali il CC non può deli­berare. Già alcuni giorni fa ho proposto al Municipio di convo­care il CC la sera di mercoledì 19 giugno sulla base di quanto co­municatomi dalla Commissione della gestione (di cui parecchi di voi fanno parte) per poter delibe­rare sui messaggi attualmente al suo esame. Il Municipio con ris. mun. n. 799 del 14 maggio 2013, ne ha già discusso e si tratta ora di determinare una data in giu­gno che possa raccogliere il più ampio consenso. Il tutto quindi nel più ampio rispetto della LOC».

 
Fonte: Corriere del Ticino

3 commenti:

  1. Il primo cittadino Paolo Zuercher dà una risposta ad una domanda pertinente sottoscritta da ben più di un terzo dei consiglieri comunali e non propina una ripassata di educazione civica, come l'ignorante (di colui che non conosce) "fonte corriere del Ticino" intende in modo viscido e inetto attirare il lettore. Tipico esempio di informazione subdola e maldestra.
    Sicuramente al Nostro Presidente del Consiglio Comunale si vuol far interpretare il ruolo della persona che se l'è presa sul personale.
    L'impiegato del Corriere del Ticino conosce infatti la legge organica solo fino all'articolo 49.Cerchiamo di aiutarlo e scrivergli l'articolo 50, che recita al paragrafo b:se almeno un terzo dei consiglieri ne fa domanda scritta e motivata al presidente si può convocare una sessione straordinaria.
    Come consiglieri comunali ci stiamo preoccupati e come nostro diritto ci siamo rivolti al nostro Presidente per cercare di non lasciar slittare la sessione primaverile in settembre. Anche se i rapporti ai messaggi municipali attualmente sul tavolo non sono numerosi.
    Il Consiglio Comunale può riunirsi anche solo per discutere e chiedere(interpellanze) al Municipio e di argomenti a Chiasso ne esistono a iosa. Tocca come giustamente fatto al Presidente considerare motivato o meno la richiesta di una convocazione straordinaria. Tra l'altro il solo passaggio di testimone da un gruppo all'altro per un giusto periodo di gestione delle commissioni permanenti , mi pare già al quanto motivo di validità. Per cui siamo contenti che il Presidente del consiglio Comunale stava già pensando di proporre una data prima del inizio dell'estate. Siamo sulla stessa onda per cui siamo fieri di essere stati apostrofati come grotteschi. Noi ci abbiamo pensato...allo strillone del quinto potere un semplice consiglio: informazione e interpretazione sono due cose distinte, mischiare questi due ingredienti equivale a creare zizania...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho sempre ritenuto il (velato) insultoun indizio di scarso senso civile e forse anche di scarsi argomenti

      Elimina
  2. Purtroppo non ci sono più i giornalisti di una volta..... Ora l'informazione maldestra é al ordine del giorno e nel nome della libertà di stampa ne stampano di tutti i colori .

    RispondiElimina