mercoledì 4 dicembre 2013

Don Feliciani striglia i politici

Don Gianfranco Feliciani
Le continue polemiche, gli attacchi incrociati, la tensione crescente non piace all'arciprete di Chiasso Gianfranco Feliciani. Cosi ieri durante l'omelia li ha bacchettati tutti. I politici di questa città, ha detto, devono “ripensare con serietà e senso di responsabilità al profondo significato dell’impegno che si sono assunti davanti alla collettività”. Assisto “con viva preoccupazione e sofferenza al crescente disagio venutosi a creare, da un po’ di tempo a questa parte, nella realtà politica della nostra Chiasso”.
Nel momento in cui il confronto politico “degenera troppo spesso nella polemica, nell’intolleranza, nella mancanza di rispetto e persino nell’insulto, quando diventa ricerca esclusiva di interessi personali o di partito, quando mira soltanto all’eliminazione dell’avversario, allora si impone più che mai per tutti una pausa di riflessione”.

La politica, ha aggiunto, deve realizzare il bene comune, ponendo particolare attenzione alle fasce più deboli della popolazione, e deve ricercare una grande unità di intenti. “Il pluralismo delle opinioni è legittimo, anzi necessario, ma il confronto non deve mai degenerare nello scontro e nel gioco al massacro, dove alla fine nessuno esce vincitore, ma tutti sono perdenti”.Complice la crisi economica, ha concluso, “oggi più che mai abbiamo bisogno di aiutarci gli uni gli altri con rinnovata fiducia e solidarietà, pronti a condividere quello che abbiamo anche a costo di qualche sacrificio”. Spero che l'albero di Natale “diventi il segno dell’amore fraterno che vince il buio delle ostili e dannose contrapposizioni”.

Fonte: www.liberatv.ch

Nessun commento:

Posta un commento