venerdì 2 maggio 2014

Bando alle ciance, parte Chiasso letteraria - Denise Maranesi (US)

Denise Maranesi
In questi giorni Chiasso ha fatto parlare di sé in maniera negativa, mostrando quanto sono fragili alcune idee politiche. Il 1° maggio, giornata di festa per i lavoratori, comincia un evento imperdibile che negli anni scorsi ha portato luce alla nostra cittadina dimostrando che essa è viva, soprattutto in ambito culturale. Non a caso il premio massimo per 2013 della Fondazione Iside e Cesare Lavezzari sono stati assegnati a Fabio Pusterla e a ChiassoLetteraria. 
ChiassoLetteraria è una manifestazione tanto particolare quanto lungimirante che ci permette di vivere la scrittura e di affrontare tantissime tematiche che ruotano attorno ad essa. La cosa che più mi colpisce è lo stupore che si crea quando pur conoscendo persone, libri, temi ed opere letterarie, teatrali o cinematografiche si riesce a scoprire qualcosa di nuovo, di magico ed inimmaginabile, con una leggerezza ed un’ ilarità fuori dall’ordinario.

ChiassoLetteraria fa capire che la cittadina è viva, che c’è fermento culturale e che in un colpo solo si possono unire intere generazioni in un sorprendente dialogo libero da pregiudizi e preconcetti.

Proprio per questo ritengo che sia il fiore all’occhiello delle manifestazioni culturali presenti sul nostro territorio e mi piacerebbe vedere molti più partecipanti, soprattutto tanti giovani, e perché no anche qualche politico in più.

Non serve essere sempre presenti. All’interno del ricco programma ognuno può scegliere liberamente ciò che più lo colpisce; ritengo difficile che qualcuno possa rimanere indifferente: qualcosa che piace, di solito c’è sempre.

Con questo breve articolo vorrei invitare tutti a partecipare a quest’evento, anche perché di Storia/e ce ne sono sempre da raccontare.

Denise Maranesi, consigliera comunale US Chiasso

Nessun commento:

Posta un commento