venerdì 2 maggio 2014

Mandato di consulenza a società fallita! Carlo Coen (PLR) svela e chiede lumi

Carlo Coen (PLR)
È durato poco il «servizio di consulenza energetica nell’ambito dell’edificazione o del risanamento di stabili» istituito dal Comune di Chiasso tramite una società anonima, che a meno di due anni dalla ricezione del mandato è fallita nel settembre del 2011. L’avvio della collaborazione tra il Comune e la Girasole Consulting SA risale al 1. gennaio 2010, data di entrata in vigore dell’apposita ordinanza municipale, che per ogni prestazione di consulenza a privati prevede un pagamento di 170 franchi. La partnership, come detto, si è presto interrotta, ma l’ordinanza municipale è rimasta immutata con l’indicazione dell’interlocutore ormai inesistente. La svista è documentata da un’interrogazione depositata l’altro ieri in cancelleria dal consigliere comunale PLR Carlo Coen. Ritenendo comunque utile un servizio di appoggio a cittadini e imprenditori interessati a far capo nelle loro costruzioni a fonti di alimentazione moderne e poco inquinanti, Coen chiede all’Esecutivo «di creare/ampliare l’offerta informativa diretta e indiretta in ambito energetico tramite una pagina sul suo sito e gli uffici del Comune con uno sportello informativo». 

Anche perché un centro come Chiasso insignito del label di Città dell’energia deve farsi promotore di una politica rispettosa dell’ambiente, in particolare, sottolinea l’estensore dell’atto consiliare, in un periodo in cui è attesa, nell’ambito di diversi progetti, la creazione di 500 nuovi appartamenti. Per Coen andrebbe quindi istituito «un servizio di consulenza gratuito che offre informazioni sui temi: efficienza energetica (edifici, impianti, apparecchi elettrici), impiego delle energie rinnovabili, incentivi disponibili a livello cantonale e federale, norme in vigore in ambito energetico e liste di professionisti». La consulenza andrebbe affidata ad «un esperto presente presso l’ufficio competente previo appuntamento». Il suggerimento è di coinvolgere l’AGE SA, l’Ufficio tecnico comunale e Swissolar, associazione che raggruppa le principali ditte attive nella produzione di impianti fotovoltaici.

Fonte: Corriere del Ticino

Nessun commento:

Posta un commento